email
phone
logoGiocAssieme2.0-1

Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet

08/04/2015, 19:55



SOSTEGNI-PER-LâELIMINAZIONE-DELLE-BARRIERE-ARCHITETTONICHE


 ASCENSORI, MONTACARICHI, ELEVATORI ESTERNI ALL’ABITAZIONE, STRUMENTI PER FAVORIRA LA MOBILITÀ



È possibile fruire della detrazione Irpef accordata ai lavorindi ristrutturazione edilizia, ordinariamente pari al 36% ( portata al 50% pernil periodo 26 giugno 2012 - 31 dicembre 2014; al 40% per il periodo 1°gennaion2015 - 31 dicembre 2015). Rientrano tra queste spese quelle sostenute pernl’eliminazione delle barriere architettoniche, riguardanti, ad esempio,nascensori e montacarichi, elevatori esterni all’abitazione e le speseneffettuate per la realizzazione di strumenti che, attraverso la comunicazione,nla robotica e ogni altro mezzo tecnologico, favoriscono la mobilità interna ednesterna delle persone portatrici di handicap grave. La detrazione pernl’eliminazione delle barriere architettoniche non può essere fruitancontemporaneamente alla detrazione del 19% a titolo di spese sanitarienriguardanti i mezzi necessari al sollevamento del disabile. La detrazione deln19%, pertanto, spetta soltanto sulla eventuale parte di spesa eccedente lanquota già agevolata con la detrazione per lavori di ristrutturazione ( 36%, 40%no 50%, a seconda del periodo di sostenimento della spesa). La realizzazione dinopere direttamente finalizzate al superamento o all’eliminazione delle barrierenarchitettoniche prevede l’applicazione dell’aliquota Iva al 4%. È possibilenapplicarla per interventi che riguardano immobili esistenti ed anchenall’acquisto di mezzi necessari alla deambulazione e al sollevamento dindisabili ( es. servoscala) ed anche ai sussidi tecnici e informatici rivolti anfacilitare l’autosufficienza. L’Iva agevolata al 4% è consentita solo nel casonin cui l’acquirente sia il disabile stesso o al massimo un suo familiare. Pernottenerla bisogna presentare alla ditta che deve fatturare i lavori i seguentindocumenti: certificato, rilasciato dalla competente Asl, attestante l’esistenzandi una invalidità funzionale rientrante fra le 4 forme ammesse ( di tiponmotorio, uditivo, visivo o del linguaggio); nel caso di interventi edilizi,ncopia del titolo edilizio abilitativo rilasciato dal Comune, ovviamente solonqualora il tipo di intervento richieda la presentazione di una pratica ediliziancomunale; nel caso di sussidi di tecnici e informatici, specifica prescrizionenrilasciata dal medico specialista dell’Asl di appartenenza, dalla quale risultinil collegamento funzionale tra le nomazione e il sussidio.


1

Lorem ipsum dolor sit amet

Lorem ipsum dolor sit amet

logoGiocAssieme2.0-1

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
    Create a website